Volontari protagonisti e non solo comprimari del nuovo welfare

Da Valdobbiadene il presidente nazionale Saturni: 

“Avis unica al mondo: il volontariato partecipe delle decisioni”

Sacconi: “Avis modello per l’Europa”

La 15ª edizione della festa dell’Avis provinciale diTreviso si è arricchita quest’anno, di un momento di grande spessore: un convegno unico nel suo genere sul “valore” del volontariato del sangue, organizzato assieme all’Avis regionale che l’ha fortemente voluto. Altissimo il livello istituzionale dei relatori intervenuti al Tempio internazionale del donatore, a Pianezze di Valdobbiadene, domenica 7 settembre. Dal senatore Maurizio Sacconi, presidente della Commissione lavoro del Senato ed ex Ministro del Welfare e della Salute, al presidente di Avis nazionale Vincenzo Saturni, affiancati dal direttore generale dell’Iss Istituto Superiore di Sanità, Angelo Lino del Favero e moderati dal presidente dell’Avis regionale, Gino Foffano

Il tavolo dei relatori
Il tavolo dei relatori


Accolte dalla Presidente dell’Avis provinciale, Vanda Pradal, hanno partecipato diverse personalità politiche, amministrative e sanitarie della Marca e il Prefetto di Treviso, Maria Augusta Marrosu, mentre è stata notata la completa assenza della politica regionale.

Saturni ha subito messo in risalto come l’Avis sia la più grande e organizzata associazione di donatori al mondo. “Siamo forse gli unici al mondo – ha affermato – con una reale e incisiva partecipazione nelle decisioni, grazie alla normativa italiana “costruita” in questi ultimi 80 anni proprio con il volontariato”. Ha poi citato l’esempio del Comitato direttivo del Centro nazionale sangue, dove il volontariato è paritetico rispetto ai rappresentanti delle regioni politiche: tre rappresentanti delle associazioni, tre delle regioni. Ma da ciò deriva anche una grande responsabilità. “L’adeguamento della raccolta del “Plasma master file”,  programmato entro il 31 dicembre, non ci è imposto “solo” dall’Europa – ha detto – ma è un dovere che abbiamo tutti verso gli ammalati e i donatori volontari. Il rischio di non riuscire a mettere a norma tutto il sistema, garantendo la stessa sicurezza dovunque in Italia, non dovrebbe neppure esistere. Non possiamo accettare e non accetteremo più che vi siano trattamenti diversi da  regione a regione o da città a città. Noi, come Avis – ha sottolineato Saturni stiamo facendo appieno la nostra parte per garantire a tutti, anche per quanto riguarda i plasmaderivati, la stessa sicurezza. Lo facciamo con cuore e passione, non a fini utilitaristici, ma non vogliamo che il volontariato, non solo del sangue, diventi solo un soggetto utile al servizio pubblico per esternalizzare servizi a minor costo”. 

pubblico
L’affollata platea

Concetti che sono stati fatti propri dal Senatore Sacconi: “Il modello Avis, vincente e straordinariamente importante, deve essere portato ad esempio per l’Europa. In questo momento di grave crisi, la  politica deve tendere  ad una razionalizzazione e appropriatezza della spesa, ma per poi reinvestire il risparmio nello stesso  settore sotto forma di ricerca e innovazione. Solo la cultura del dono, della condivisione sociale propria dei Paesi del sud Europa e dell’Italia in particolare, ci aiuterà ad affrontare il futuro, la nostra attitudine a “fare comunità”. Compito dello Stato è quello di risvegliare questa vitalità sociale, non di chiedere al volontariato di sostituirsi ad esso”.

In quest’ambito Del Favero, da marzo Direttore generale dell’ISS da cui dipende il CNS (Centro nazionale sangue, diretto dal dottor Giuliano Grazzini), ha voluto sottolineare come: “Il Centro nazionale sangue sia un ottimo esempio di cooperazione fra Stato, Regioni e volontariato. L’attuale staff raggiunge grandi risultati in sicurezza, efficienza e organizzazione del Sistema trasfusionale, arrivando dopo un percorso fatto sul territorio”. 

Servizi di Beppe Castellano e Michela Rossato

La galleria fotografica dell’evento è disponibile sulla pagina Facebook di Dono&Vita

DSC_0523

Inizia a Donare per salvare una VitaDona su AvisVeneto.it