Mille e non più mille per “Riso fa Buon Sangue”. La finalissima a un comico toscano.

DSC_0213
Folto pubblico in Piazza Europa

Ridere a crepapelle con buon gusto e ironia fa certamente buon sangue e, il che non guasta, lo fa pure donare per chi ne ha bisogno. Erano oltre duemila le persone in Piazza Europa a Rosolina Mare, sabato 24 agosto per la finalissima di “Riso fa Buon Sangue” 2013. La rassegna-concorso di cabaret che ha visto quest’anno una quindicina di spettacoli in tutto il Veneto, Emilia e Friuli Venezia Giulia con la raccolta, tra l’altro, di oltre 1200 promesse di donazione fra il numerosissimo pubblico (si stimano circa 15-20 mila persone che hanno riso con l’Avis) che ha affollato le varie tappe della kermesse. Ideata da Enrico Cibotto, quattro anni fa in collaborazione con la Provinciale di Rovigo, è stata presto adottata da Avis regionale e da tantissime Avis comunali e provinciali venete.

DSC_0279
Maurizio Borgogni, il vincitore

La finalissima doveva laureare il campione “emergente” della risata 2013. L’ha spuntata sul filo di lana il comico toscano di Arezzo Maurizio Borgogni, che si è aggiudicato anche il premio speciale del pubblico. “Siete Veramente Belle Persone e portate avanti una Missione di Umanità per la quale bisogna avere Tanto Rispetto! – ha detto il vincitore all’indomani della manifestazione – il mio Babbo è stato “Orgoglioso Donatore” Avis per una Vita Intera… io dico Grazie a Tutti Voi!”. Secondo di pochissimo (il compito della qualificata giuria live nonché di quella popolare via web non è stato certamente facile) il “medico” modenese Massimo Morselli e terzi, sempre a pochissimi voti, i due trevisani di Sformato Comico con il gustosissimo scketch del romeno e del carabiniere. Molto applauditi anche gli altri sei finalisti: Il due di coppe (Rovigo)Giuseppe Forte (Verona)Guido Marangoni (Padova)Michele Davalli (Bologna)Stefania Petrone (Pordenone), i Tracataiz (Milano).

Nel corso della serata, applauditissimi dal pubblico, sono stati premiati con il “premio alla carriera” Norberto Midiani e con quello “peggio di così” il vulcanico presentatore Paolo Franceschini. Il premio al “becero” Franceschini, per l’occasione, è stato consegnato dal direttore de “La Voce di Rovigo”, Cristiano Draghi. Fra gli ospiti della serata, apprezzatissimi dalle incontenibili risate del pubblico, anche Omar Fantini davvero poliedrico e incontenibile protagonista della risata di “Colorado”, gli “attrezzi ginnici” umani di Maniko Sport di Zelig, il vincitore dell’edizione 2012 Michele Giunta insieme a un finalista dello scorso anno, Omar Pirovano. Sul palco anche i “60 lire”, con la musica anni ’60 e gli stacchetti musicali.

A premiare e portare il messaggio avisino anche molti dirigenti avisini: dai consiglieri nazionali Carmelo Agostini (Friuli) e Mirko Vicentini, al vice presidente vicario di Avis Veneto Luigi Piva, ai presidente provinciale di Rovigo e Verona Massimo Varliero e Mauro Zocca, a rappresentanti di altre provinciali e comunali.

Ginnastica del vice presidente
Ginnastica del vice presidente

E anche i dirigenti avisini, nonché lo stesso “patron” Enrico Cibotto, non si sono sottratti all’impegno di far divertire il pubblico. Se il vice presidente dell’Avis regionale Veneto Roberto Rondin è stato coinvolto in esercizi ginnici dai “maniko Sport” (vedi foto), anche il patron e animatore di Riso Fa Buon Sangue non è stato da meno. La sua “mise” in una scenetta, sempre con i Maniko Sport, più che a un componente del gruppo lo ha fatto assomigliare (commenti raccolti dal cronista fra il pubblico) a una “soppressa fresca” o piuttosto a un “cotechino modenese”.

Soppressa o cotechino?
Soppressa o cotechino? Il “patron” Enrico Cibotto…

Una serata davvero da incorniciare, insomma, che facendo divertire ha ancora una volta svolto una ormai insostituibile nuova forma di promozione e sensibilizzazione del dono del sangue. Gli spettacoli non si fermano però qui, basta seguire i prossimi appuntamenti che via via saranno organizzati sul blog di “Riso fa buon sangue”. Prossimamente su Dono&Vita cartaceo un servizio sull’intera stagione di “Riso fa Buon Sangue”.

Beppe Castellano

 

 

Inizia a Donare per salvare una VitaDona su AvisVeneto.it