Nel padovano “Semi di solidarietà” in 3 giornate formative

Tra il mese di maggio e di giugno si sono svolte 3 giornate formative, organizzate dall’Avis provinciale di Padova. L’iniziativa – in occasione dell’anno europeo

Mons. dino Pistolato a Cittadella

del Volontariato – è parte di un progetto, realizzato con il CSV, ed è rivolta ai volontari Avis. L’obiettivo, che vuole approfondire il tema della solidarietà, ha visto la collaborazione di alcune Avis del territorio: Cittadella, Conselve, Abano Terme.

Il primo incontro si è svolto a Cittadella (Sala Torre di Malta) e l’Avis cittadellese ha coinvolto anche altre associazioni che operano nel territorio, in particolar modo la Croce Rossa; è intervenuto Mons. Dino Pistolato, Direttore della Caritas di Venezia, il quale ha sottolineato come la solidarietà non deve chiudersi in se stessa, ma chieda un cambiamento, una nuova rotta, che deve avere la responsabilità di tutti: sia di chi è in condizione di bisogno, che non può essere ridotto a soggetto passivo di puro assistenzialismo, sia di chi, dedicandosi al volontariato, assume la responsabilità di essere un modello per l’intera società.

A Conselve, nella giornata di Sabato 21 maggio, in collaborazione con l’Avis del conselvano, erano presenti Michele Testolina (Direttore delle Politiche Sociali del Comune di Venezia) ed Alessandro Lion – direttore del CSV di Padova; è stato approfondito l’argomento: “Partecipazione, meglio soli o bene accompagnati; quali sono i timori e le difficoltà di una partecipazione attiva”.

A chiusura delle 3 giornate formative, ad Abano Terme, si è tenuto l’ultimo l’incontro, dal titolo “Responsabilità, ricomincio da me, in che modo aderisco a pieno ai valori in cui ho deciso di credere ?”. Anche in questo caso, c’è stata la preziosa collaborazione, dell’Avis Comunale.

Tutti gli incontri sono stati coordinati da Federica Tognazzo, psicologa psicoterapeuta e da Giovanni Forza, medico psichiatra, che hanno focalizzato la riflessione, su quali siano gli stili di vita più adatti rispetto ai valori cui si è deciso di aderire, e quale possa essere il consenso intorno a tali stili di vita e quali le difficoltà del cambiamento.

L’obiettivo, pienamente raggiunto, è stato quello di fornire ai partecipanti, nuovi strumenti, utili nelle attività di volontariato, che svolgono nel quotidiano.

Roberto Sartori

 


Inizia a Donare per salvare una VitaDona su AvisVeneto.it