Percorso condiviso, ma ralenty donazionale

Nel ringraziare il dottor Aprili per la completa e puntuale esposizione sul cammino per perseguire nella costruzione del Dipartimento Interaziendale, possiamo affermare che come associazione abbiamo operato e condiviso, nelle varie riunioni della Conferenza di Dipartimento, tutto il percorso fin qui effettuato per arrivare alla sua alla completa realizzazione. Dobbiamo però constatare che l’avvio del Dipartimento provinciale ha comportato, purtroppo, un rallentamento delle donazioni: nel 2010 nella nostra provincia le donazioni sono aumentate solamente dello 0,11%. Molte possono essere le motivazioni: il cambiamento di un iter negli anni consolidato, può aver creato un po’ di smarrimento fra i donatori, però dobbiamo rilevare, e l’abbiamo fortemente evidenziato nell’ultima Conferenza di Dipartimento, anche la carenza di personale medico, che ha comportato l’allungamento delle attese, con relativa disaffezione dei donatori, in alcuni centri di raccolta. Ottimizzare l’afflusso dei donatori ai Centri di raccolta, con prenotazione volontaria e eventuale chiamata, è l’obiettivo che tutti assieme stiamo elaborando.

Nell’assemblea provinciale del 19 marzo, si è chiesto ai delegati di dare mandato al Consiglio provinciale di finalizzare il progetto.

 

Giorgio Lorenzini

Presidente Avis provinciale di Verona

Inizia a Donare per salvare una VitaDona su AvisVeneto.it